Le donne di Caffè Ernani: Carolina

Vedi menu e ordina

carolina-barista-torrefazione-ernani

Ciao Carolina! Un’altra piccola grande donna della famiglia Ernani.

Quando hai iniziato il tuo tragitto in questa azienda?

Sono abbastanza nuova nel team Ernani, ho iniziato solo a luglio 2019, ma fin da subito ho sentito di essermi integrata nel gruppo e mi sono sentita come a casa. 

Infatti non sono mai mancati aiuti reciproci e complicità!

Bene, quando si dice “iniziare con il piede giusto”! 

Ma hai integrato subito perchè avevi già esperienza nel settore e quindi sapevi già muoverti?

Sì esatto, ho un’esperienza di diversi anni in tutto il settore horeca. Ho iniziato come lavapiatti, poi come aiuto cuoco, poi come cameriera e poi sperimentato anche il lavoro dietro al bancone, quindi lavorare in team faceva parte già del mio mondo da tempo. L’ultimo ruolo, quello da barista, mi è poi piaciuto particolarmente e ho deciso di continuare su questa strada. 

Ne sono davvero felice. 

Come mai questa passione per il banco?

Beh prima di tutto perché mi dà la possibilità di mettermi in gioco in prima persona, creando personalmente quello che i miei clienti andranno poi a consumare e mi dà molta soddisfazione vedere l’apprezzamento delle persone per il mio prodotto. 

Inoltre mi ha reso quella che sono ora, mi ha aiutata a sconfiggere la mia timidezza e la mia riservatezza. Ora mi piace relazionarmi con le persone, avere la possibilità di parlarci e di conoscerle meglio. 

Il contatto diretto con il pubblico in tutti gli altri ruoli mi è sempre un po’ mancato. Mi piace poter migliorare la giornata di qualcuno con un sorriso e con un buon servizio o essere anche d’aiuto quando i miei affezionati clienti entrano in Torrefazione e sono un po’ giù di morale.

Infine ho capito che in questo lavoro ci devo “mettere la faccia”. 

È a me che i clienti rivolgono insoddisfazioni, lamentele, dubbi o domande, oltre che complimenti e apprezzamenti. Sono io, insieme a tutto il team della torrefazione, che impersonifico Ernani, sono io che rappresento tutta l’azienda e il prodotto di fronte al cliente e questo porta con sè grandi responsabilità. E devo dire che mi piacciono! 

Hai proprio ragione! Il cliente quando entra in caffetteria non parla con il tostatore direttamente, con la direzione o chi con chi ha creato le miscele e tutti i caffè, ma parla con voi. Siete voi le “facce” di Caffè Ernani, ed è bello sentire la tua consapevolezza in merito! 

Come hai iniziato a lavorare in questo settore?

Ho iniziato quando mi sono iscritta all'università, per avere qualche soldino mio ed essere un po’ più indipendente. 

Poi è diventato il mio lavoro definitivo ed eccoci qua!  

Interessante, cosa studiavi?

Ho studiato per un anno psicologia, era davvero bella e affascinante. Ciò che ho imparato molto spesso lo applico tutt’ora durante il lavoro! 

Sono davvero appassionata all’argomento! 

Immagino, deve essere davvero coinvolgente la psicologia. Hai anche altre passioni? 

Sì, assolutamente. Ho altre due grandi passioni: il tennis e la cucina e devo dire che entrambe mi sono sempre tornate utili nel lavoro. 

Amo provare sempre gusti nuovi e sperimentare e grazie alla cucina ho imparato ad abbinare sempre diversi sapori e avvertire aromi sempre più complessi e articolati, che rendono il piatto unico. 

Lo stesso vale per il caffè. Infatti nelle giornate di formazione in laboratorio, dove degustiamo in modo approfondito le nostre miscele mi diverto sempre molto. 

Il tennis invece mi ha insegnato a essere determinata, la disciplina del duro lavoro e la voglia di migliorarmi sempre per ottenere risultati sempre più alti. 

E cosa più importante ho appreso la resilienza. Ad esempio nei match importanti non potevo lasciare spazio a stress e ansia, perchè l’attenzione doveva sempre essere molto alta. 

Stessa cosa nel lavoro, accetto tutto come se fosse una sfida, anche nei momenti in cui il locale è pieno e i clienti sono di fretta, non mi faccio mai sopraffare, penso solo a dare il massimo, correre e offrire sempre il massimo servizio possibile. 

Bene ti vedo convinta e consapevole di ciò che vuoi e di come ottenerlo. 

Mi resta solo una domanda a questo punto: cosa ti piace di più della Torrefazione Ernani?

Sarò banale, lo so, ma mi piace il fatto che ci sia una storia alle spalle, mi piace la ricerca che continuiamo a fare sui nostri prodotti, mi piace che sia una realtà molto più grande del semplice e classico bar, c’è un progetto alla base che condivido e voglio metterci del mio per farlo crescere e farlo diventare realtà. 

Siamo veri artisti del prodotto che produciamo e vendiamo. E questo i clienti lo percepiscono. 

È davvero bello vederti così entusiasta.

Ti auguro un buon lavoro e ti verrò a trovare presto in Torrefazione e, mi raccomando, voglio assaggiare un caffè preparato da te! 

Martina Mazzoleni 

Miscele di caffè pregiati e selezionati sempre freschi a casa tua

Scopri di più