Brasile Bom Chocolate – 250g

I maestri della tostatura media

Brasile Bom Chocolate – 250g

Caffè con note intense di cacao, bilanciato e dal corpo rotondo

Confezioni da 250g in grani o macinato

8,50 / mese

Descrizione

Caffè con note intense di cacao, bilanciato e dal corpo rotondo.

Il monorigine Santos Cerrado Bom chocolate brasiliano è uno special gourmet coffee di qualità arabica.

Cresciuto tra i 900 e i 1000 m slm, nella regione Cerrado del Brasile.

Questo Santos Bom Chocolate è un arabica lavorato con il metodo naturale. Questo processo di essiccazione al sole conferisce ai chicchi di caffè un’acidità moderata, accentuando invece la dolcezza.

  • Al naso: note di cioccolato e pane tostato
  • Gusto: si avvertono prima note dolci di cacao e frutta a guscio, successivamente sentori di frutti rossi, che portano una morbida e delicata acidità

Il consiglio di Ernani: in espresso utilizza una dose di 8 gr per dose.

Adatto a

Chi cerca un monorigine di qualità arabica, ma con una bassa acidità, spinto verso la dolcezza

Scheda tecnica

Note aromatiche Cacao e frutta a guscio
Intensità 6/9
Corpo 6/9
Dolcezza 4,5/9
Amarezza 4/9
Acidità 5/9
Intensità aromatica 6/9
Tostatura Media
Adatta a Chi cerca un caffè di qualità arabica, ma con una bassa acidità, prevalentemente dolce
Origini Brasile
Località Regione Cerrado, Brasile
Altitudine 900-1000m slm
Tipo di raccolto Picking
Tipo di lavorazione Naturale
Punteggio 77/100
Crivello 17/18

Grazie alla tostatura media il chicco di caffè crudo attentamente selezionato può esprimersi al meglio, sprigionando ogni aroma naturale e senza mai risultare eccessivamente amaro. Provalo anche senza zucchero, sarà incredibile!

Il caffè è conservato all’interno di un sacchetto sigillato, auto-protetto con una valvola mono-direzionale, la quale permette al caffè di degasare, senza far entrare l’ossigeno, che lo ossiderebbe. In questo modo è possibile mantenere il caffè in grani fresco e aromatico anche dopo svariati mesi.

Note per la confezione da 250g in grani:

  • Caffè torrefatto in grani
  • Confezionate in atmosfera protettiva di azoto alimentare con valvola mono-direzionale
  • 250 gr peso netto e

Note per la confezione da 250g macinato:

  • Caffè torrefatto in grani e poi macinato
  • Confezionate in atmosfera protettiva di azoto alimentare con valvola mono-direzionale
  • 250 gr peso netto e

Storia del caffè

Oggi viaggiamo in Brasile, lo Stato numero uno per quantità di caffè prodotto e venduto nel mondo, per questo anche uno dei caffè più consumati e conosciuti!

In Brasile ci sono una moltitudine di coltivazioni, sia grandi a perdita d’occhio, che utilizzano mezzi industriali e producono un caffè di scarsa qualità, sia micro coltivazioni di Specialty Coffee.

Insomma il territorio caffeicolo è vasto e variegato!

 

Arrivo del caffè nel paese

Il caffè arrivò in Brasile con il colonialismo europeo nel 1727 a Parà, ad opera del sergente portoghese Francisco de Melo Palheta dalla Guiana Francese.

Il soldato nascose la pianta in un mazzo di fiori donatogli come saluto di addio dalla moglie del governatore del Guyana, innamorata del portoghese.

In questo modo gli fu possibile piantare la prima pianta di caffè in Brasile!

I due dipartimenti noti per la produzione di caffè di qualità sono la regione Cerrado, dalla quale proviene il nostro Bom Chocolate, e la regione Minas Gerais a sud-est della prima.

Si iniziò a coltivare circa negli anni ‘70 del Novecento, grazie a coltivatori che cercarono altre regioni al di fuori di quelle tradizionali, nelle quali annualmente arrivavano gelate che rovinavano l’intero raccolto.

 

Area caffeicola 

Il Minas Gerais venne riconosciuta come area di coltivazione nel 1970, quando il caffè divenne il prodotto più importato dell’agricoltura regionale e nel 2020 venne dichiarato IP, ossia venne riconosciuta con il marchio di Indicazione di Provenienza.

Mappa con indicata in grande la zona caffeicola da dove Ernani prende il suo monorigine brasiliano ed in piccolo tutte le altre zone caffeicole del brasileLa regione Cerrado, distretto del Minas Gerais, ricevette l’IP nel 2005 e DO, quindi Denominazione di Origine, dal 2014.

Questa è caratterizzata, come già detto, dalla qualità dei chicchi crudi e per le combinazioni climatiche uniche.

Inoltre le piante di caffè qui hanno fioriture intense ed uniche, con maturazione uniforme di un raccolto concentrato, che insieme ad una perfetta definizione delle stagioni climatiche con estati calde e umide ed inverni miti e secchi.

Un insieme di variabili perfettamente sincronizzate che creano condizioni uniche e ideali per la nostra amata pianta dai frutti rossi brillanti.

L’autentico caffè del Cerrado Mineiro ha aromi intensi, dal gusto caramelloso e con sentori di frutta secca, con una delicata acidità agrumata ed un sapore preponderante di cioccolato molto persistente.

 

In questo paesaggio ameno ed idilliaco fino al XIX secolo il caffè serviva solo per il consumo interno, dopo di che la domanda statunitense ed Europea crebbe e quindi iniziò l’esportazione massiccia dei chicchi.

Il nostro caffè brasiliano arriva appunto dalla regione Cerrado da un piccola piantagione che lo ha chiamato Bom Chocolate, per il suo intenso, rotondo e avvolgente gusto di cioccolato.

Questa nota aromatica viene donata da tutte le piante di fave di cacao che circondano l’intero territorio delle coltivazioni.

 

Lo stesso caffè parte poi dal porto di Santos, il nome classico attribuito alla maggior parte dei caffè brasiliani, proprio perché partono dallo stesso porto, nonché il principale dell’intero Stato.

 

Il Brasile lo immagino vasto e con una magica vista su colline e altopiani. Il colore preponderante è sicuramente il verde dei campi in contrasto con il cielo terso. 

 

Il nostro Brasile Bom Chocolate è buono in ogni estrazione: dall’espresso, alla moka ai caffè filtro per percolazione ed infusione.

Scopri come prepararla al meglio con tutti gli strumenti qui.

Buon viaggio!

Curiosità

I caffè brasiliani come già detto sono i più venduti al mondo ed i più diffusi nelle miscele italiane ed esistono caffè veramente pregiati e chicchi di scarsa qualità pieni di difetti.

Per questo motivo dire caffè “Brasiliano” è molto generico e ha poco significato. Bisogna approfondire la conoscenza e la provenienza del caffè in oggetto!

Ti potrebbe interessare…

torna su
Apri chat
1
Bisogno di aiuto?
Ciao 👋
sono Martina, come ti possiamo aiutare?
Risponderò a qualsiasi tua domanda dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00! ☕️💛